Skip to main content
Mecspe al via la ventiduesima edizione

Mecspe al via la ventiduesima edizione

Bologna, 6 marzo 2024 – Il PNRR contribuisce alla crescita e alla transizione digitale delle imprese del manifatturiero, che hanno usufruito degli incentivi 4.0 per realizzare importanti investimenti, altrimenti difficilmente realizzabili. Le aziende del settore si preparano ora a recepire il Piano Transizione 5.0, integrando alla transizione digitale -già in essere- anche quella energetica, a dimostrazione della reale volontà di includere la sostenibilità nei processi produttivi di un settore, quello manifatturiero, che con le sue 511mila aziende attive[1] costituisce ancora la colonna portante dell’economia italiana. Questa è la fotografia presentata oggi al convegno d’apertura della ventiduesima edizione di MECSPE, la fiera di riferimento per il manifatturiero e le innovazioni per l’industria, organizzata da Senaf e in corso a BolognaFiere fino all’8 marzo. L’evento ha visto la partecipazione di Valentino Valentini, Viceministro al Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Vincenzo Colla, Assessore allo sviluppo economico e green economy, lavoro, formazione e relazioni internazionali Regione Emilia-Romagna, Massimo Bugani, Assessore all’Agenda Digitale del Comune di Bologna, Antonio Bruzzone, CEO di BolognaFiere, e Ivo Nardella, Presidente Senaf - Gruppo Tecniche Nuove.

Durante l’evento sono stati presentati da Stefano Cattorini, Direttore Generale BI-REX Competence Center, i dati dell’Osservatorio MECSPE sull’industria relativi al III quadrimestre 2023 con previsioni sul 2024[2], che hanno messo in evidenza il ruolo del PNRR e degli incentivi per lo sviluppo del settore.

L’Osservatorio ha sottolineato che, anche se in calo rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, la gran parte degli imprenditori del settore (8 su 10) ha un livello medio o alto di soddisfazione relativa all’attuale andamento della propria azienda. Tiene il fatturato nel breve periodo, che rimane stabile o in crescita per il 63%, mentre il portafoglio ordini è adeguato per quasi due terzi delle aziende. Il settore, dunque, non ha intenzione di rallentare, e, anzi, non sono poche le aziende che hanno in programma un percorso di crescita nei prossimi due anni (60%).

Investimenti e incentivi per l’industria

Grazie al PNRR, l’industria sta avendo accesso a un’importante disponibilità di risorse da parte del governo. Più del 50% degli imprenditori, infatti, ha richiesto gli incentivi Industria 4.0 a supporto della propria crescita per investire nella trasformazione digitale (31%), R&D (14%), formazione (26%) e sostenibilità (14%); realizzando così investimenti che, altrimenti, non sarebbero stati in grado di affrontare: il 63% degli imprenditori, infatti, non avrebbe investito -o lo avrebbe fatto in misura minore- senza gli incentivi. Proprio grazie a questi investimenti, gli imprenditori hanno potuto constatare un miglioramento della produttività (44%) della loro azienda, della strumentazione tecnologica (35%) e, più in generale, un miglioramento delle condizioni di lavoro (25%).

L’impatto positivo degli incentivi 4.0 apre la strada al Piano Transizione 5.0: un terzo degli imprenditori è intenzionato ad avvalersi della nuova misura: ad oggi, infatti, più dell’80% delle imprese è pronto ad innovarsi anche in tema transizione energetica.

ESG e sostenibilità

L’innovazione verso l’industria 5.0 passa, infatti, anche dalla sostenibilità e dai criteri ESG. In quanto a sostenibilità aziendale, sono aumentate le imprese che si definiscono abbastanza o molto sostenibili, ben il 44% (vs 37% scorso quadrimestre). È in aumento, infatti, anche il numero di chi misura la propria impronta di CO2, al 23% contro lo scorso 20%, un dato promettente e rappresentativo del progresso in corso.

Nuove sfide per la filiera

Il settore, inoltre, sta affrontando alcune criticità legate al contesto geopolitico internazionale: il 44% degli imprenditori afferma di essere preoccupato dalle conseguenze dei recenti conflitti internazionali. Una situazione di incertezza che potrebbe avere un grande impatto sul tessuto imprenditoriale italiano, non solo per l’approvvigionamento delle materie prime, ma anche per l’export, il 71% delle imprese intervistate infatti esporta. Fanno invece meno paura inflazione, costi dell’energia e tassi d’interesse, percepiti con molta meno preoccupazione rispetto al quadrimestre precedente.

Crescita digitale e IA

In tema di digitalizzazione a che punto è la manifattura italiana? Quasi 7 imprenditori su 10 dichiarano che la propria azienda ha avuto una crescita digitale da media ad alta negli ultimi anni.

Tra le tecnologie introdotte solo nel 2023 primeggiano la sicurezza informatica, il cloud computing e l’internet of things; balzo avanti nel 2024 invece per l’intelligenza artificiale, la cui introduzione è in programma per il 13% degli imprenditori, seguita da ulteriori investimenti in sicurezza informatica e robotica collaborativa. Sempre in tema AI, la maggioranza degli imprenditori continua ad avere opinioni positive a riguardo, con oltre 6 imprenditori su 10 che ritengono che produrrà benefici. A questo proposito, il 25% l’ha già introdotta o intende introdurla nella propria azienda, mentre il 38% si sta informando per muoversi in questo senso.

Il settore manifatturiero italiano, con le sue 511 mila aziende attive, rappresenta un pilastro fondamentale del nostro sistema economico – dichiara Valentino Valentini, Viceministro al Ministero delle Imprese e del Made in Italy Le difficoltà geopolitiche in atto – non ultima la crisi del Mar Rosso - stanno incidendo pesantemente sul tessuto economico e il governo ha ben presenti le sfide con cui si devono confrontare le nostre imprese. Per questo abbiamo lavorato per mettere la politica industriale al centro della Presidenza italiana del G7 e dell'Ue. La rimodulazione del PNRR ha liberato importanti risorse: il Mimit in particolare ha ottenuto oltre 9 miliardi che andranno a beneficio del tessuto imprenditoriale. La misura cardine è Transizione 5.0, che consentirà alle imprese di aumentare la competitività e realizzare i necessari investimenti per la riduzione dei consumi energetici. Il nostro obiettivo è far sì che il Mimit sia sempre più partner delle imprese e il confronto con soggetti come MECSPE fornisce un importante contributo al nostro lavoro".

"I dati presentati oggi sono positivi e inducono ad un cauto ottimismo - evidenzia Stefano Cattorini, Direttore Generale del Competence Center BI-REX le aziende testimoniano la loro volontà di crescere e di aumentare la loro competitività sul mercato. Per rimanere al passo, l'unica opzione possibile è implementare processi di innovazione tecnologica, trasformazione digitale e sostenibilità. In questo senso, i Competence Center, in qualità di soggetti attuatore del PNRR, rappresentano un esempio virtuoso di come le politiche a sostegno del tessuto industriale possano effettivamente tradursi in maniera concreta a vantaggio delle imprese, attraverso servizi, competenze e tecnologie: i fondi messi a disposizione dal MIMIT hanno contribuito notevolmente a migliorare il quadro generale. Inoltre, ci sono due elementi che potranno rendere il ruolo dei Competence Center sempre più centrale: gli ulteriori incentivi sul tema dell'innovazione sostenibile, inclusi nel nuovo piano Transizione 5.0, e i continui investimenti in upskilling e nuove competenze, complice anche l'enorme impatto dell'Intelligenza Artificiale".

“Siamo orgogliosi di dare il bentornato a MECSPE – afferma Antonio Bruzzone, CEO di BolognaFiere - L'arrivo della manifestazione nel 2021 a BolognaFiere ne ha accompagnato la crescita e lo sviluppo internazionale.  Le parole chiave su cui ci si confronterà a MECSPE e nei saloni collegati sono formazione, digitalizzazione, sostenibilità e dimensione internazionale: le condividiamo profondamente, perché la strada è la stessa che stiamo seguendo nello sviluppo di BolognaFiere, ancor di più oggi che siamo una società quotata. Con la quotazione e l'aumento di capitale realizzato saremo ancora più competitivi e proseguiremo nel programma di ampliamento e ammodernamento del nostro quartiere fieristico. Cresciamo insieme, dunque, preparandoci a rispondere con energia e competenza alle sfide dei prossimi anni”.

“Il nuovo Piano Transizione 5.0 preannuncia un anno pieno di opportunità per il settore manifatturiero e siamo orgogliosi di essere un punto di riferimento per il confronto su questo tema, al fianco del MIMIT e delle oltre 2.000 aziende presenti qui alla 22° edizione di MECSPE” commenta Ivo Nardella, Presidente Senaf e del Gruppo Tecniche Nuove, “I dati dell'Osservatorio MECSPE confermano che gli incentivi 4.0 sono stati fondamentali nella crescita e nella digitalizzazione delle imprese ed evidenziano che le aziende sono ora pronte a recepire le nuove misure del Piano Transizione per integrare sempre più sostenibilità e digitalizzazione. MECSPE è un'opportunità per le aziende di approfondire queste tematiche, scoprire le ultime innovazioni e i relativi percorsi di formazione, connettersi con le filiere, i competence center e tutti gli attori chiave del settore. Molto più che una fiera, MECSPE si pone come il motore di supporto per lo sviluppo nazionale ed internazionale dell'industria, un palcoscenico dove l’innovazione si fonde con la concretezza per trovare l'idea che non hai e per guidare attivamente le imprese a compiere la transizione in ottica 5.0”.

Sempre durante l’evento inaugurale si è tenuta la tavola rotonda Industria verso l’orizzonte 5.0: Competence Center a confronto su PNRR e Piano Transizione, presidiata dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy e a cui hanno preso parte gli otto competence center nazionali: ARTES 4.0BI-REXCIM4.0CYBER 4.0MADE – Competence Center Industria 4.0Meditech 4.0SMACT e Start 4.0.

Punto centrale del dibattito è stato il Piano Transizione 5.0 del MIMIT -una misura che rappresenterà un punto di svolta per le imprese sul fronte dell’innovazione- ed il ruolo fondamentale dei Competence Center nel fornire alle imprese strumenti e competenze utili ad avvalersi delle risorse economiche offerte dal PNRR.

I numeri di MECSPE BOLOGNA 2024

59.845 visitatori professionali (edizione 2023), 92.000 mq di superficie espositiva, oltre 2.000 aziende presenti, 2.000 mq di MECSPE LAB – Spazio Innovazione18 iniziative speciali, 72 convegni.

I saloni di MECSPE

Macchine e Utensili – Macchine utensili, Attrezzature, Utensili e Software di progettazione; Macchine lavorazione lamiera – Piegatura, Stampaggio, Taglio, Assemblaggio, Saldatura, Materiali e Software; Fabbrica Digitale – Informatica industriale, IoT, Sensoristica industriale, Cloud-manufacturing, Tecnologie di identificazione automatica, Applicazioni, dispositivi, strumentazione e componentistica intelligente per l’interpretazione e l’interconnessione dei processi; Logistica – Confezionamento, Imballaggio, Movimentazione, Material handling, Lean manufacturing, Software gestionale di magazzino, Supply chain management, Sistemi di Sicurezza, DPI, Terziarizzazione; Subfornitura Meccanica – Lavorazioni meccaniche di precisione, Carpenteria metallica, Costruzioni meccaniche, Fasteners, Fonderie, Minuterie, Lavorazioni del filo metallico, Lavorazioni industriali per conto terzi, Microlavorazioni; Elettronica Italia – Cem (contract electronics manufacturer), Cablaggi, Ems (electronics manufacturing service), Pcb (produttori di circuiti stampati), Studi di Ingegneria e progettazione; Eurostampiplastica, gomma e compositi – Lavorazione materie plastiche, gomma e compositi, Macchine e impianti, Attrezzature ausiliarie, Materiali innovativi, Stampaggio, Estrusione, Imballaggio, Soffiaggio, Stampi, Modelli, Componenti normalizzati per stampi, Design, Software di simulazione e progettazione, Microlavorazioni; Additive Manufacturing – Stampa 3D, Prototipazione Rapida, Rapid Manufacturing,  Sistemi e servizi per reverse engineering, Tecnologia additiva, Materiali, Servizi, Hardware: stampanti e scanner 3D, accessori, Software di simulazione e progettazione; Trattamenti e Finiture – Impianti per il trattamento delle superfici, Forni, Galvanica, Processi chimici ed elettronici, Lavaggio, Metallizzazione, Smaltatura, Zincatura, Prodotti e accessori per trattamenti, Trattamenti Termici, Verniciatura; Materiali non ferrosi e leghe – Lavorazioni di materiali non ferrosi (Alluminio, Titanio, Magnesio, Leghe Leggere), Pressofusioni, Fonderie, Lavorazioni industriali conto terzi, Tecnologie, Design, Engineering; Automazione e Robotica – Automazione e Robotica, Assemblaggio, Montaggio e manipolazione; Controllo e Qualità – Certificazione e controllo della qualità, Metrologia, Strumenti di misura, Prove di laboratorio, Taratura, Attrezzature di analisi, Visione; Power Drive – Organi di trasmissione meccanica, Oleodinamica, Pneumatica, Meccatronica, Controllo del movimento, Manutenzione, Aria compressa.

 

https://bolognafiere.it/mecspe-al-via-la-ventiduesima-edizione/


press correlati

I miei bio-robot sono la rivincita della fantascienza
I miei bio-robot sono la rivincita della fantascienza
Paolo Dario, 72 anni, laureato in Ingegneria Meccanica presso l'Università di Pisa, è professore emerito di Robotica Biomedica presso la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa. È stato direttore scientifico del Centro di competenza sulla robotica Artes 4.0 e visiting professor presso numerose università, fra cui University of Pennsylvania, Ecole Polytechnique Fédérale di Losanna, Collège de France, Waseda University in Giappone. I principali interessi di ricerca sono biorobotica e robotica per la chirurgia. Ha pubblicato oltre 180 articoli su riviste internazionali e oltre 300 tra capitoli di libri e articoli in atti di congressi internazionali. È titolare di circa 50 brevetti internazionali. Nel 2003 ha ricevuto dall’allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, l’onorificenza di Ufficiale della Repubblica Italiana. Quando Paolo Dario ha iniziato ad immaginare di poter costruire robot, queste macchine prodigiose esistevano solo nei libri di Isaac Asimov e animavano i film di fantascienza dell'epoca, gli anni Settanta. Non a caso, Star Wars è una delle opere cinematografiche più amate dall'ingegnere livornese, che pochi giorni fa, in Giappone, ha ricevuto il prestigioso IEEE Robotics and Automation Award, «per aver fatto progredire la bionica e la biorobotica come aree di ricerca chiave a livello mondiale, integrando robotica e medicina». Professore, partiamo dal premio. Che momento è stato? «Mi hanno dato quattro minuti per il discorso, come ai David di Donatello (ridendo), in cui ho voluto fare i ringraziamenti in cui credo. Prima di tutto l’Italia, perché sono il frutto dell’educazione e cultura di questo paese e ritengo che la scuola italiana sia la migliore al mondo, dalle materne fino all'università e poi l'Europa, perché senza non avrei potuto fare quasi nulla. Infine la comunità scientifica nazionale e la mia famiglia, perché non bisogna mai dimenticare da dove si proviene». Immaginando i robot, è stato un visionario? «Sono ritenuto a livello mondiale colui che per primo ha perseguito la strada della biorobotica e della bionica, cioè dell'idea che i robot potessero essere ispirati al mondo della natura e poi bio-applicati alla medicina. In gioventù ho inseguito una robotica che nessuno credeva possibile, si pensava alle macchine nelle fabbriche, ma non socialmente utili. Quando negli anni Ottanta iniziai a lavorare sull’idea di un robot chirurgo, eravamo considerati dei pazzi, oggi è la normalità».
visita
EDIH4Marche: ARTES 4.0, i-Labs Industry, UNIVPM e UNICAM per l’innovazione 4.0 e 5.0 delle imprese delle Marche
EDIH4Marche: ARTES 4.0, i-Labs Industry, UNIVPM e UNICAM per l’innovazione 4.0 e 5.0 delle imprese delle Marche
Vivere Jesi 19/04/2024 - ARTES 4.0, i-Labs Industry, Università Politecnica delle Marche e Università di Camerino, partner del progetto EDIH4marche, hanno presentato venerdì le competenze, i servizi e i finanziamenti a disposizione per le imprese delle Marche.
Un evento che si è svolto presso i-Labs Industry a Jesi, laboratorio per la collaborazione tra mondo delle imprese e quello della ricerca volto a sviluppare, applicare e condividere soluzioni in linea con paradigmi industriali sempre più avanzati. Il laboratorio è inoltre una delle sedi italiane del Centro di Competenza ad alta specializzazione finanziato dal Ministero dell’Impresa e del Made in Italy ARTES 4.0, che è composto da 134 soci selezionati, ed è presente capillarmente in 7 regioni italiane con 13 sedi, tra cui le Marche. L’evento ha avuto come scopo primario quello di fornire alle imprese marchigiane una panoramica dei servizi offerti a sostegno della trasformazione digitale e per l’innovazione 4.0 e 5.0, tramite i fondi del PNRR e del Programma Digital Europe della CE. “Le Marche sono una terra a cui sono particolarmente legata, essendo nata in questa regione. Per questo tengo molto a che le imprese marchigiane abbiano tutti gli strumenti per affrontare la sfida dell’evoluzione verso l'innovazione 4.0 e 5.0, combinando competenze avanzate, tecnologie all'avanguardia e finanziamenti strategici per navigare con successo nel panorama dell'industria digitale. Solo attraverso un approccio integrato e una visione lungimirante, le nostre aziende potranno sbloccare il loro pieno potenziale, che ho già avuto modo di verificare in prima persona in frequenti visite. Per questo, sono particolarmente orgogliosa che ARTES 4.0 possa essere anche qui, per le imprese delle Marche, un prezioso alleato nel percorso verso l'innovazione e la competitività delle nel contesto dell'economia digitale” - ha dichiarato Francesca Tonini, Direttrice Esecutiva ARTES 4.0. Un incontro che è stato anche un’importante occasione per favorire il dialogo tra startup e piccole, medie, grandi imprese ad alto contenuto tecnologico che desiderano rafforzare la propria competitività attraverso attività di innovazione in un contesto altamente specializzato, grazie alla collaborazione tra Università, Centro di Competenza e piattaforme tecnologiche volta a rendere estremamente efficaci i meccanismi di trasferimento tecnologico e di supporto alle imprese. Cuore dell’evento sono state una serie di presentazioni di approfondimento delle opportunità e dei servizi – dal test before invest alla formazione – resi disponibili da i-Labs Industry, dal Centro di Competenza ARTES 4.0 e dallo European Digital Innovation Hub EDIH4MARCHE, cui sono seguiti una tavola rotonda che hanno proposto il confronto tra i protagonisti della giornata, alcune aziende testimoni di esperienze di successo nel campo della transizione digitale e rappresentanti delle associazioni di categoria del mondo industriale. Qui di seguito il programma completo: 10.30 REGISTRAZIONE E ACCOGLIENZA 11.00 APERTURA DEI LAVORI E SALUTI ISTITUZIONALI Presenta e modera: Massimo Callegari, Università Politecnica delle Marche e Coordinatore Macronodo UNIVPM@ARTES 4.0 Enza Spadoni, Responsabile Trasferimento Tecnologico ARTES 4.0 Gaetano Ascenzi, Direttore operativo EDIH4MARCHE 11.20 PRESENTAZIONE DEI SERVIZI DELL’EUROPEAN DIGITAL INNOVATIN HUB EDIH4MARCHE Relatori: Andrea Bonci, Università Politecnica delle Marche Diletta Cacciagrano, Università di Camerino 11.40 PRESENTAZIONE DEL LABORATORIO E DEI SERVIZI I-LABS INDUSTRY Relatori: Daniele Costa, Responsabile tecnico del Laboratorio Giacomo Palmieri, Responsabile della sezione Robotica del Laboratorio 12.00 PRESENTAZIONE DEI SERVIZI DEL CENTRO DI COMPETENZA ARTES 4.0 Relatori: Piero Gatta, Responsabile Business Development ARTES 4.0 Giacomo Giorgi, Responsabile Formazione ARTES 4.0 12.20 ESPERIENZE INDUSTRIALI DI TRANSIZIONE DIGITALE Relatori: Gianluca di Mauro, Product Manager presso Homberger Spa David Baldarelli, Proprietario di Joytek Srl Andrea Rossetti, Senior Digital Designer in Nautes Spa 13.00 VISITA AI LABORATORI I-LABS INDUSTRY E ARTES 4.0 Nella visita sono state mostrate le tecnologie disponibili all’interno dei laboratori 13.30 CHIUSURA DEI LAVORI
visita
Comunità energetiche, Geom. Balzano: “Un futuro sostenibile”
In Italia, la transizione verso un modello energetico più sostenibile e decentralizzato sta prendendo forma attraverso lo sviluppo delle comunità energetiche. Queste realtà, che permettono ai cittadini, alle imprese e alle entità locali di produrre, consumare e condividere energia rinnovabile, stanno emergendo come una soluzione chiave per ridurre l'impatto ambientale e aumentare l'autonomia energetica delle comunità locali. La Regione Marche, in particolare, si sta distinguendo per il suo impegno attivo nella promozione di questi innovativi modelli energetici. Le comunità energetiche rappresentano un cambiamento paradigmatico nel modo di pensare e gestire l'energia. Grazie a incentivi statali e regionali, tra cui detrazioni fiscali e contributi a fondo perduto, cittadini e aziende delle Marche stanno iniziando a collaborare per installare sistemi di energia rinnovabile condivisi, come pannelli solari fotovoltaici e piccole turbine eoliche. Questi progetti non solo permettono di ridurre la dipendenza da fonti energetiche non rinnovabili, ma promuovono anche una maggiore resilienza della rete elettrica locale. Ad esempio, nelle aree rurali delle Marche, dove l'accesso all'energia può essere a volte problematico, le comunità energetiche offrono una soluzione efficace per garantire l'approvvigionamento energetico continuo e sostenibile. Un caso emblematico è quello del comune di Fano, dove una comunità energetica locale ha implementato un sistema di pannelli solari che fornisce energia a più di 50 famiglie. Questo non solo ha ridotto significativamente i costi energetici per i partecipanti, ma ha anche contribuito a ridurre le emissioni di CO2, allineando il comune con gli obiettivi di sostenibilità regionale e nazionale. Inoltre, la Regione Marche sta sperimentando con modelli di governance innovativi che permettono una gestione più democratica e partecipativa delle risorse energetiche. Attraverso piattaforme digitali e assemblee pubbliche, i membri delle comunità energetiche possono decidere collettivamente come distribuire l'energia prodotta e reinvestire i profitti derivanti dalla vendita di surplus energetico. Questi sforzi sono supportati da collaborazioni tra università locali, centri di ricerca e amministrazioni pubbliche, che insieme lavorano per migliorare le tecnologie e le strategie di implementazione delle comunità energetiche. L'Università Politecnica delle Marche, ad esempio, ha recentemente lanciato un progetto di ricerca finalizzato a ottimizzare l'efficienza dei sistemi di accumulo di energia utilizzati nelle comunità energetiche, un passo cruciale per garantire la sostenibilità a lungo termine di questi sistemi. Le comunità energetiche nelle Marche sono un chiaro esempio di come l'innovazione e la collaborazione possano guidare una transizione energetica equa e sostenibile. Lo sanno gli specialisti nel settore energetico della Balzano Consulting Group che possono fornire dettagli specifici, analisi aggiuntive e consigli strategici per le comunità energetiche, specialmente quelle nelle Marche. La collaborazione con un consulente esperto come Balzano Consulting Group può offrire una visione approfondita delle migliori pratiche, delle opportunità di finanziamento e delle strategie innovative per il successo a lungo termine delle comunità energetiche. https://www.viverepesaro.it/2024/04/21/comunit-energetiche-geom-balzano-un-futuro-sostenibile/260796
visita
Innovazione 4.0 e 5.0  delle imprese delle Marche
Innovazione 4.0 e 5.0 delle imprese delle Marche
ARTES 4.0, i-Labs Industry, Università delle Marche e di Camerino, partner del progetto EDIH4 Marche, hanno presentato le competenze, i servizi e i finanziamenti per innovazione 4.0 e 5.0
visita
Progetto EDIH4Marche: tutti i partner
Progetto EDIH4Marche: tutti i partner

ARTES 4.0, i-Labs Industry, Università Politecnica Delle Marche e Università di Camerino, partner del progetto EDIH4Marche

ARTES 4.0i-Labs Industry, Università Politecnica delle Marche e Università di Camerino, partner del progetto EDIH4marche, hanno presentato oggi le competenze, i servizi e i finanziamenti a disposizione per le imprese delle Marche. Un evento che si è svolto presso i-Labs Industry a Jesi, laboratorio per la collaborazione tra mondo delle imprese e quello della ricerca volto a sviluppare, applicare e condividere soluzioni in linea con paradigmi industriali sempre più avanzati. Il laboratorio è inoltre una delle sedi italiane del Centro di Competenza ad alta specializzazione finanziato dal Ministero dell’Impresa e del Made in Italy ARTES 4.0, che è composto da 134 soci selezionati, ed è presente capillarmente in 7 regioni italiane con 13 sedi, tra cui le Marche. L’evento ha avuto come scopo primario quello di fornire alle imprese marchigiane una panoramica dei servizi offerti a sostegno della trasformazione digitale e per l’innovazione 4.0 e 5.0, tramite i fondi del PNRR e del Programma Digital Europe della CE.   https://italiaeconomy.it/progetto-edih4marche-tutti-i-partner/
visita
Progetti di innovazione e servizi alle imprese, ecco come i Competence center stanno usando 113 milioni del PNRR
Progetti di innovazione e servizi alle imprese, ecco come i Competence center stanno usando 113 milioni del PNRR
A un anno dal rifinanziamento dei Competence Center con le risorse del PNRR (113 milioni in tutto), facciamo il punto su come gli otto centri di competenza sull’Industria 4.0 stanno impiegando i 100 milioni destinati a cofinanziare i progetti di innovazione delle imprese e a erogare servizi a condizioni agevolate. [...] Artes 4.0, il Competence Center focalizzato su “Advanced Robotics and enabling digital Technologies & Systems 4.0”, situato a Pontedera (in provincia di Pisa), ha ricevuto in dotazione dal Ministero 11,8 milioni di euro a valere sulle risorse del PNRR. Circa 9,3 milioni di euro sono stati destinati al sostegno dei progetti d’innovazione delle imprese attraverso un bando aperto la scorsa estate e rivolto a micro imprese, PMI, startup e grandi aziende. La grande partecipazione delle imprese ha fatto sì che i fondi si esaurissero ancora prima del termine per la presentazione delle progettualità (marzo 2024). “Abbiamo avuto molte richieste di finanziamento, le abbiamo valutate e abbiamo selezionato 35 progetti da finanziare che hanno assorbito il totale del budget a disposizione. In aggiunta, abbiamo creato una lista di altri progetti che hanno passato la selezione ma che attualmente non sono finanziabili per la mancanza di fondi, e siamo in attesa di capire se potremo contare su ulteriori finanziamenti che ci consentano di sostenere altri e meritevoli progetti”, spiega Piero Gatta, Responsabile Area Business Development di Artes 4.0. Anche sul fronte dei servizi, per cui il Competence Center aveva a disposizione 2,5 milioni, l’interesse manifestato dalle imprese è stato alto: il centro ha infatti ricevuto, in poco tempo, più di 100 richieste per un totale di circa 140 servizi. Attualmente il centro sta lavorando per velocizzare l’erogazione dei servizi, snellendo le necessarie fasi preliminari di tipo amministrativo-burocratico e quelle di valutazione, che richiedono analisi sulla scelta del servizio in relazione al budget richiesto, sulla dimensione aziendale da cui poi dipenderà l’intensità dell’aiuto e sulla coerenza rispetto agli ambiti 4.0. Per quanto riguarda la tipologia di imprese che si rivolgono al centro, la quasi totalità delle richieste di innovazione vede coinvolte micro e piccole imprese. La restante parte (di norma circa l’8%) è divisa all’incirca a metà tra medie e grandi imprese. A livello territoriale si riscontra una maggiore partecipazione di aziende del Nord e Centro-Nord, mentre e circa il 10% sono localizzate al Sud. “Stiamo cercando, se non di invertire, quanto meno di avvicinare le percentuali, con azioni più mirate di fertilizzazione e animazione al Sud”, aggiunge Gatta. Per quanto riguarda le prospettive future, in vista dell’esaurimento dei fondi ricevuti dal Ministero, Artes 4.0 si sta muovendo verso una fase di evoluzione e crescita significative, con l’obiettivo di stabilire un’identità ben definita che superi il semplice ruolo di ente finanziatore. La direzione intrapresa è quella di trasformarsi in un aggregatore di servizi di alta qualità per le aziende impegnate nel campo dell’alta tecnologia e dell’innovazione, ispirandosi a modelli di eccellenza come i centri di trasferimento tecnologico tedeschi Fraunhofer e Steinbeis. Questo percorso include una riflessione approfondita e una rielaborazione del proprio modello di business, con l’intenzione di ampliare la gamma di servizi offerti e di rafforzare il proprio ruolo nel panorama dell’innovazione. Uno degli aspetti chiave di questa strategia è la volontà di collaborare con enti e società interessati a finanziare progetti specifici, come dimostra l’esempio di successo della partnership con INAIL, che ha portato al finanziamento di diciassette progetti innovativi nel campo della sicurezza sul lavoro. https://www.innovationpost.it/attualita/ricerca-e-innovazione/progetti-di-innovazione-e-servizi-alle-imprese-ecco-come-i-competence-center-stanno-usando-113-milioni-del-pnrr/
visita
A pontedera con artes 4.0 per l’innovazione
A pontedera con artes 4.0 per l’innovazione

A Pontedera Artes 4.0 chiama le aziende italiane

Nell’hub di Artes 4.0, a Pontedera, sta prendendo vita un atelier della robotica. «È il primo caso in Italia dove chi arriva può disegnare e progettare il proprio robot sulla base dei suoi stessi gusti ed esigenze – racconta Enza – Qui abbiamo costruito un ecosistema dell’innovazione che è strettamente legato a questo territorio. Ben pochi sanno che proprio a Pontedera è nato il teatro europeo, oltre a essere la città dei motori e dell’innovazione. E il villaggio Piaggio è uno dei primi esperimenti sociali». Questo è solo uno degli hub di Artes 4.0, che con 11 progetti finanziati attivi e una dotazione di 15 milioni di euro supporta le aziende italiane nel percorso di digitalizzazione grazie alle competenze di 13 Università e Centri di Ricerca e a 130 soci ad alta specializzazione. Finanziato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, il Centro di Competenza ARTES 4.0 è uno degli otto centri di competenza ad alta specializzazione selezionati dal Ministero nell’ambito del Piano Nazionale Industria 4.0. Più nello specifico, ARTES 4.0 supporta le aziende nel loro processo di trasformazione digitale e di innovazione, fornendo servizi ad alto valore tecnologico, e crea un ponte tra la ricerca e l’impresa per il finanziamento di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, erogando servizi di innovazione (Test Before Invest, Formazione, Networking, Accesso ai finanziamenti, Consulenza su temi di innovazione e Accesso al mercato) a prezzi agevolati. «I nostri 134 soci, privati insieme ai partner accademici e ai centri di eccellenza, rendono esaustiva l’offerta di competenze, infrastrutture e servizi in ambito Industria 4.0 e 5.0 nei nostri settori di applicazione», afferma Enza.
visita
Sicurezza sul lavoro: i 17 progetti di innovazione tecnologica finanziati con bando Bit
Sicurezza sul lavoro: i 17 progetti di innovazione tecnologica finanziati con bando Bit
Sicurezza sul lavoro: i 17 progetti di innovazione tecnologica finanziati con bando Bit La sede di Artes 4.0, centro di competenza nazionale ad alta specializzazione finanziato dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, a Pontedera (Pisa) ha ospitato l’evento di presentazione dei 17 progetti finanziati dall’Inail attraverso il Bando innovazione tecnologica (Bit), gestito in sinergia con il competence center toscano con l’obiettivo di migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.   https://www.corrierenazionale.it/2024/03/23/sicurezza-sul-lavoro-i-17-progetti-di-innovazione-tecnologica-finanziati-con-bando-bit/
visita
Inail, presentati 17 progetti di innovazione tecnologica finanziati con bando Bit
Inail, presentati 17 progetti di innovazione tecnologica finanziati con bando Bit
**Roma - La sede di Artes 4.0, centro di competenza nazionale ad alta specializzazione finanziato dal ministero delle Imprese e del Made in Italy, a Pontedera (Pisa), ha ospitato l’evento di presentazione dei 17 progetti finanziati dall’INAIL attraverso il Bando Innovazione Tecnologica (Bit), gestito in sinergia con il competence center toscano con l’obiettivo di migliorare le condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.** *"Il bando Bit," spiega Edoardo Gambacciani, direttore centrale Ricerca dell’INAIL, "è una misura mirata a incentivare l’innovazione in ambito di salute e sicurezza sul lavoro per creare valore sociale puntando sulla competitività delle imprese, sul lavoro di qualità e sulla miglior tutela per i lavoratori. Si tratta di un esperimento pilota nella direzione di costituire e consolidare il ruolo dell’Istituto come hub per l’innovazione e il trasferimento tecnologico in materia di salute e sicurezza sul lavoro. I risultati dei progetti di ricerca escono dai cassetti dei laboratori per dare luogo a soluzioni sostenibili ed efficaci da applicare in azienda, che accompagnano la transizione digitale e tecnologica del tessuto produttivo mettendola persona del lavoratore al centro dell’innovazione."* Lanciato alla fine del 2022, il bando Bit ha messo complessivamente a disposizione di start-up, microimprese, PMI e grandi imprese due milioni di euro per realizzare progetti di innovazione, ricerca industriale e trasferimento tecnologico finalizzati alla riduzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali o allo sviluppo di ricadute positive per la tutela dei lavoratori tramite l’utilizzo delle tecnologie Impresa 4.0. Le tematiche legate alla salute e sicurezza sul lavoro sono uno dei focus applicativi delle competenze e degli strumenti che Artes 4.0 rende disponibili per sviluppare all’interno delle aziende soluzioni concrete e innovative, utili a migliorare i livelli di tutela dei lavoratori. Come sottolineato da Paolo Dario, direttore scientifico di Artes 4.0 e coordinatore dell’hub europeo per l’innovazione digitale Artes 5.0, “la sicurezza sul lavoro è un tema di cruciale importanza anche per lo sviluppo d’impresa e su cui è necessario focalizzare tutte le energie per garantire, in primis, tutela alla salute umana". *"Le tecnologie 4.0 e 5.0 possono trovare applicazione anche e prioritariamente per la salute e la sicurezza sul lavoro, che sono i pilastri su cui si erige un ambiente lavorativo moderno, responsabile e, soprattutto, sicuro. Investire in soluzioni innovative significa creare un’impresa in cui la tecnologia non solo migliora l'efficienza dei processi produttivi, ma parte dal presupposto di proteggere e sostenere la forza lavoro, contribuendo al mondo del lavoro non solo in termini di nuova e più qualificata occupazione, ma anche per renderlo più sicuro, sano e sostenibile,"* ha aggiunto. La presentazione dei 17 progetti innovativi avviati a partire dallo scorso mese di giugno grazie al bando Bit, con un contributo per ciascun intervento compreso tra 100 mila e 140 mila euro, è stata anche l’occasione per affrontare in modo estremamente concreto il delicato tema della tutela della salute dei lavoratori davanti a un pubblico selezionato di ospiti referenziati, stakeholder, giornalisti, istituzioni e rappresentanti del mondo delle imprese e dei lavoratori.  
visita
Cagliari Digital Lab, la sfida delle imprese cittadine – Unione Sarda 7-2-2024
Cagliari Digital Lab, la sfida delle imprese cittadine – Unione Sarda 7-2-2024
**Garantire una transizione digitale sicura e sostenibile legata alla smart city e alla green e blue economy.** È l'obiettivo di Cagliari Digital Lab e Artes 4.0, il progetto presentato alla Mem. Un'occasione per le imprese cittadine di approfondire il ruolo delle tecnologie emergenti e le criticità in ambito normativo, etico, filosofico e sociale. «Le aziende sarde dovrebbero mettere la conoscenza, la tecnologia e gli aspetti legati al verde e al sociale al centro dei loro prodotti», ha spiegato Paolo Dario, direttore scientifico di Artes 4.0. «Ormai il mondo dà priorità alla transizione digitale e verde, è un'esigenza assoluta mettere la persona e il pianeta al centro dell'economia, per chi non lo facesse i mercati si chiuderebbero, i compratori giovani sono estremamente attenti ai nuovi cambiamenti». «Il nostro obiettivo è il trasferimento tecnologico, creare quel ponte tra la ricerca e l'impresa, avvicinando le imprese del territorio alle tecnologie, soprattutto sulle tematiche che riguardano la smart city, il turismo sostenibile, il green e blue economy», ha sottolineato Debora Zrinscak, project manager di Artes 4.0. Uno scambio di idee, progetti e nuove conoscenze tra professionisti e aziende per promuovere la competitività d'impresa in un'epoca che si affaccia sempre di più all'innovazione e alla tecnologia. «Per il territorio è fondamentale l'evoluzione tecnologica, soprattutto in un'epoca in cui si parla di industria 5.0 dove abbiamo le tecnologie e l'individuo al centro. Quello che vogliamo fare è utilizzare la transizione tecnologica per avere un futuro sempre più sostenibile», ha dichiarato Debora Zrinscak. (fe.po.) Unione Sarda 7-2-0204
visita
Pomeriggio dedicato alle imprese e alle nuove tecnologie – Unione Sarda 5 febbraio 2024
Pomeriggio dedicato alle imprese e alle nuove tecnologie oggi a partire dalle 15 alla Mediateca del Mediterraneo. L'evento è organizzato nell'ambito del progetto Casa delle Tecnologie Emergenti "Cagliari Digital Lab", il centro di competenza autorizzato dal ministero delle Imprese e del Made in Italy, Artes 4.0. Un'occasione per le aziende sarde di approfondire il ruolo delle tecnologie emergenti e le criticità in ambito normativo, etico, filosofico e sociale, allo scopo di considerarne le principali soluzioni. Verranno presentate le principali tecnologie che il Cagliari Digital Lab sta sviluppando e che metterà a disposizione del territorio per garantire una transizione digitale sicura e sostenibile sulle tematiche legate alla smart city e alla green e blue economy. Unione Sarda 5 febbraio 2024
visita
Le imprese e le nuove tecnologie – Unione Sarda
Una giornata dedicata alle imprese sarde e alle nuove tecnologie è in programma lunedì prossimo alle 15 presso la Mediateca del Mediterraneo, in via Mameli 164. Saranno presentate le principali tecnologie che il Cagliari digital lab sta sviluppando e che metterà a disposizione del territorio per garantire una transizione digitale sicura e sostenibile sulle tematiche legate alla smart city e alla green e blue economy. Il centro di competenza autorizzato dal ministero delle Imprese e del Made in Italy, Artes 4.0, ha organizzato l'iniziativa, un'occasione per le aziende sarde di approfondire il ruolo delle tecnologie emergenti e le criticità in ambito normativo, etico, filosofico e sociale. L'obiettivo è riflettere sulle principali soluzioni. Interverrà il keynote speaker Paolo Dario, direttore scientifico di Artes 4.0 e professore emerito dell'Istituto di Biorobotica dell'Università Scuola Sant'Anna di Pisa. Con Paolo Dario sarà possibile realizzare un focus sull'innovazione in Sardegna. 31 gennaio 2024
visita

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato su notizie e informazioni di possibile tuo interesse